Repubblica italiana

Repubblica italiana

Regione Campania

Regione Campania

Unione europea

Unione europea

Provincia di Napoli

Provincia di Napoli

Comune di Pozzuoli

Comune di Pozzuoli

AACST Pozzuoli

Azienda Autonoma Cura, Soggiorno e Turismo - Pozzuoli

Consigliera di paritŕ

Consigliera di Paritŕ della Provincia di Napoli

Archivio cortometraggi
A pena do pana (La pena del pane)

A pena do pana (La pena del pane), di Lucia Grillo

Crying while being killed

Crying while being killed, di Maria Magkanari

CONEXIONES

CONEXIONES, di LĂ­dice Abreu

Peace

Peace, di Roberta Bitto

Prodotto

Prodotto, di Viola Pinzi

Unravelled

Unravelled, di Anna Benner

La Luna di Kiev

La Luna di Kiev, di Marcella Piccinini

Ultime della classe

Ultime della classe, di Daniela Binello

Pozzuoli è

Pozzuoli è, di Roberta Serretiello

Come la pioggia e la neve

Come la pioggia e la neve, di Patrizia Piccinini

Toxdoll

Toxdoll, di Sara Novellino

Anas...Anas!

Anas...Anas!, di Anita Mosca

La grande menzogna

La grande menzogna, di Carmen Giardina

Dove sono nata

Dove sono nata, di Emma Cianchi

Zeitfeld – The field

Zeitfeld – The field, di Catalina Molina

A Casa dos Mortos

A Casa dos Mortos, di Debora Diniz

Scheda corto

Home

Fermo  immagine

Lista corti

DREAM_2622.DGD

  • Regia: Simona Sdic
  • Edizione: III Edizione
  • Anno di produzione: 2006
  • Durata: 3'
  • Soggetto: Simona Sdic
  • Sceneggiatura: Simona Sdic
  • Interpreti: Cristiana Chiarantini
  • Montaggio: Simona Sdic, Andrea Bruno, Roberto My
  • Fotografia: Simona Sdic
  • Musica:
  • Suono:
  • Produzione: Bebrown Multimedia
  • Genere: Videoarte
  • Formato originale: Mp4
  • Sinossi: In un prossimo futuro ipertecnologico esisterĂ  un’estensione file .dgd (digital dream): sogni digitali su microchip pronti a essere introiettati nella mente delle persone. Una donna di sapore un po’ retrò, in una cittĂ , Firenze, dove l’antico convive con l’assalto della modernitĂ  (mass-tourism, melting pot culturali, tecnologia) e una giornata trascorsa a metĂ  tra la creazione (lo sguardo alle cose, il lavoro, gli incontri) e l’alienazione che si conclude in una casa anni ’50, con la passiva e ancora necessaria visione di un sogno. Quello preferito del momento.
  • Biofilmografia della regista: Simona Sdic proviene dal mondo della comunicazione aziendale e del giornalismo. “Dream_2622.dgd” è il suo primo lavoro audiovisivo.