Repubblica italiana

Repubblica italiana

Regione Campania

Regione Campania

Unione europea

Unione europea

Provincia di Napoli

Provincia di Napoli

Comune di Pozzuoli

Comune di Pozzuoli

AACST Pozzuoli

Azienda Autonoma Cura, Soggiorno e Turismo - Pozzuoli

Consigliera di paritŕ

Consigliera di Paritŕ della Provincia di Napoli

Archivio cortometraggi
She wanted to be burnt

She wanted to be burnt, di Ruth Paxton

Quadri-fonia di voci migranti

Quadri-fonia di voci migranti, di Sara Marinelli

There

There, di Dominika Knapik

Il signor Bobo

Il signor Bobo, di Sara Minuti, Alice Sivo

Las Camas Solas

Las Camas Solas, di Sandra GĂłmez

Il piano inclinato

Il piano inclinato, di Cristina Gamberi

Dove sono nata

Dove sono nata, di Emma Cianchi

zucca e cappesante

zucca e cappesante, di Le Fratelle Coin

Courting hope

Courting hope, di Natalie Rebecca Hechtman

PASSO UNO

PASSO UNO, di MIRIAM RIZZO

Vernissage!...1607, Caravaggio

Vernissage!...1607, Caravaggio, di Stella Leonetti

Una sporca vacanza

Una sporca vacanza, di Cinzia Sarto

La tecnica dell'ascensione

La tecnica dell'ascensione, di Paola Randi

Romeo e Giulietta visti dall'alto

Romeo e Giulietta visti dall'alto, di Anna Gioia Trasacco

I fili di Arianna

I fili di Arianna, di Giulia Secreti

Pietre di Fuoco

Pietre di Fuoco, di Tiziana Cantarella

Scheda corto

Home

Fermo  immagine

Lista corti

DREAM_2622.DGD

  • Regia: Simona Sdic
  • Edizione: III Edizione
  • Anno di produzione: 2006
  • Durata: 3'
  • Soggetto: Simona Sdic
  • Sceneggiatura: Simona Sdic
  • Interpreti: Cristiana Chiarantini
  • Montaggio: Simona Sdic, Andrea Bruno, Roberto My
  • Fotografia: Simona Sdic
  • Musica:
  • Suono:
  • Produzione: Bebrown Multimedia
  • Genere: Videoarte
  • Formato originale: Mp4
  • Sinossi: In un prossimo futuro ipertecnologico esisterĂ  un’estensione file .dgd (digital dream): sogni digitali su microchip pronti a essere introiettati nella mente delle persone. Una donna di sapore un po’ retrò, in una cittĂ , Firenze, dove l’antico convive con l’assalto della modernitĂ  (mass-tourism, melting pot culturali, tecnologia) e una giornata trascorsa a metĂ  tra la creazione (lo sguardo alle cose, il lavoro, gli incontri) e l’alienazione che si conclude in una casa anni ’50, con la passiva e ancora necessaria visione di un sogno. Quello preferito del momento.
  • Biofilmografia della regista: Simona Sdic proviene dal mondo della comunicazione aziendale e del giornalismo. “Dream_2622.dgd” è il suo primo lavoro audiovisivo.