Repubblica italiana

Repubblica italiana

Regione Campania

Regione Campania

Unione europea

Unione europea

Provincia di Napoli

Provincia di Napoli

Comune di Pozzuoli

Comune di Pozzuoli

AACST Pozzuoli

Azienda Autonoma Cura, Soggiorno e Turismo - Pozzuoli

Consigliera di parità

Consigliera di Parità della Provincia di Napoli

Archivio cortometraggi
A pena do pana (La pena del pane)

A pena do pana (La pena del pane), di Lucia Grillo

Siamo d'accordo

Siamo d'accordo, di Sara Minuti e Alice Sivo

Die Wand – La parete

Die Wand – La parete, di Karlotta Ehrenberg

Am I There Yet?

Am I There Yet?, di Maya Sarfaty

Errant Home

Errant Home, di Nada Doumani

Sexy Thing

Sexy Thing, di Denie Pentecost

Scgnacken e gli altri

Scgnacken e gli altri, di Adriana Del Duca

Suuri kupla (the big bubble)

Suuri kupla (the big bubble), di Anja Puntari

Aqua

Aqua, di Sarah Beltrani

100 percent

100 percent, di Teresa Paoli

Riflesso di un amore

Riflesso di un amore, di Alice Borin

My name is Kelvin...

My name is Kelvin..., di Veena Holkar

Cuore namibiano

Cuore namibiano, di Antonella Zucchini

ottomarzo 2007

ottomarzo 2007, di Manuela Vigorita

Un passo semplice

Un passo semplice, di Mariella Lo Manto e Lorenza Ippolito

Fiori che rinascono

Fiori che rinascono, di Renata Tardani

La nona edizione di “A Corto di Donne”, rassegna di cortometraggi al femminile, si è svolta a Pozzuoli (NA) , presso il Complesso Agave Hotel e il Rione Terra, dal 14 al 17 luglio 2016.

A corto di donne

Trentanove cortometraggi, selezionati tra le oltre 700 opere iscritte da 70 paesi di tutto il mondo, sono state presentate in concorso, nelle quattro categorie in cui è articolato il festival: animazione, documentari, fiction, sperimentale. Tra questi, film provenienti da Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Portogallo, Russia, Belgio, Bosnia Herzegovina, Etiopia, Marocco, Israele, Stati Uniti, Canada, Venezuela, Taiwan, oltre che dall’Italia.

La photogallery dell'edizione 2016.

Per la sezione Animazione, la giuria formata da Fran De Martino, Marino Guarnieri e Maria Rosaria Selo, ha premiato come miglior cortometraggio “Os prisioneiros” , di Margarida Madeira (Portogallo). Menzione speciale a “Relationships” , di Ching-Yu Yang (Taiwan).

La giuria della sezione Documentari, composta da Titti Marrone, Claudia Migliore e Luciano Scateni, ha assegnato il premio come miglior cortometraggio a “London afloat” , di Gloria Aura Bortolini (Italia). Menzione speciale a “Gender & Number” , di Inés Poggio Quero (Etiopia).

Per i cortometraggi di Fiction, valutati da una giuria composta da Rosanna La Monica, Francesco Prisco e Gioia Spaziani, il premio va a “Prohibido arrojar cadaveres a la basura” , di Clara Bilbao (Spagna). Menzione speciale per “Rough cut (Bout-a-bout)” , di Asmae El Moudir (Marocco), “Die stille” , di Lily Erlinger (Germania) e “Doris” , di Francesca Silveri (Regno Unito).

Per la sezione Sperimentale, la giuria formata da Paola Mattucci, Giovanni Meola e Ignazio Senatore, ha premiato come miglior cortometraggio “Sensitive” , di Ut Barley Sugar (Francia). Menzione speciale a “Pangaea” , di Emma Rozanski (Bosnia Herzegovina).

Il premio “Giuria Giovani”, assegnato da una rappresentanza di 60 studenti degli istituti superiori flegrei, va a: “Little elephant” , di Kate Jessop (Regno Unito), per l’Animazione; “Through the pane” , di Dawn Westlake (USA), per la categoria Documentari; “Two together” , di Anna Yanovskaya (Russia), per la sezione Fiction; “American Rouge” , di Jasmine Manari (USA), per la categoria Sperimentale.

La direzione del festival ha infine assegnato il premio speciale al miglior cortometraggio italiano, individuato tra tutti i lavori selezionati, al documentario “Christian Diorio” , di Ylenia Azzurretti.

Scarica l’elenco completo dei premi e le relative motivazioni.

“A Corto di Donne” offre uno spazio di confronto alle filmmaker di tutto il mondo che esprimono, attraverso un linguaggio cinematografico di sperimentazione e innovazione, un punto di vista originale e creativo sulla società e i fenomeni del nostro tempo.

Organizzata dall’associazione culturale “A Corto di Donne” , con il sostegno di Comune di Pozzuoli e Azienda Autonoma Cura Soggiorno e Turismo di Pozzuoli, e il contributo di Banca Popolare di Novara per il Territorio, Studio Dental Clinic e Il Capitano Group, la rassegna è patrocinata da: Regione Campania, Consigliera di Parità della Provincia di Napoli; Instituto Cervantes Napoli; Goethe-Institut Neapel; Institut Français Napoli; Università degli Studi di Napoli L’Orientale; Università degli Studi Suor Orsola Benincasa; Accademia di Belle Arti di Napoli; Coordinamento Festival Cinematografici Campania; Pari e Dispari - Sportello Pari Opportunità del Comune di Napoli presso l’Università Suor Orsola Benincasa; Laboratorio interdisciplinare Donne Genere e Formazione "DGF" presso il Dipartimento di Studi Umanistici Università degli Studi di Napoli Federico II; Dottorato in Human Mind and Gender Studies - Università degli Studi di Napoli Federico II / SUN.

Ulteriori informazioni possono essere richieste inviando una e-mail a info@acortodidonne.it oppure telefonando al numero (+39) 347.6675.785.

Questa iniziativa è contro il "sistema" della camorra

sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor sponsor